Il Momento Migliore Per Osservare I Pianeti: Che Cos’è Un’Opposizione In Astronomia?

Mars Opposition 2022

L'opposizione astronomica è il momento migliore per osservare la maggior parte dei pianeti del sistema solare e altri corpi celesti. Appaiono nel loro stato più ampio e luminoso nel cielo notturno. Scopri di più sulle opposizioni e scopri le date migliori per vedere pianeti e asteroidi.

Contenuti

Che cosa significa opposizione in astronomia?

Opposizione astronomica significa che un pianeta si trova dalla parte opposta al Sole rispetto alla Terra: ossia, visto dalla Terra, significa che un pianeta all’opposizione si trova a 180° precisi da dove si trova il Sole nel cielo, cosicché quando il Sole tramonta ad ovest, tale pianeta sorge ad est. Oltre che dai pianeti, l’opposizione può essere raggiunta anche da comete, asteroidi ed altri oggetti celesti nel nostro Sistema Solare. Un esempio molto noto di opposizione è la Luna piena, durante la quale il disco lunare è opposto al Sole, e per questo è totalmente illuminato dalla luce della nostra stella.

Quand'è la prossima Luna Piena nel 2022? Consulta il nostro calendario di tutte le date della Luna Piena di quest'anno, inclusi date e orari, nomi, Superlune e altro ancora.
Vedi Infografica

Quali pianeti possono essere visti in opposizione dalla Terra?

Premesso che l’opposizione si verifica solo quando la Terra si trova tra il Sole ed un altro pianeta, essa coinvolge solo i pianeti del Sistema Solare più lontani dal Sole rispetto alla Terra. Essi sono: Marte, Giove, Saturno, Urano, e Nettuno.

L’opposizione planetaria avviene grosso modo una volta ogni anno, quando la Terra si trova esattamente in linea retta tra il pianeta preso in considerazione ed il Sole. L’unica eccezione è costituita da Marte: la velocità e la forma dell’orbita del Pianeta rosso sono simili a quelle della Terra, che quindi “supera” Marte solo ogni 27 mesi circa. Ecco perché l’opposizione di Marte avviene solo ogni due-tre anni. Mercurio e Venere si trovano all’interno dell’orbita terrestre, per cui non li vedremo mai in opposizione.

Come si osserva un pianeta in opposizione?

Per trovare un pianeta in opposizione basta guardare in direzione opposta a quella in cui tramonta il Sole: esso sarà ben visibile per qualche settimana prima e qualche settimana dopo l’esatto momento di opposizione. Dunque controlla le previsioni, trova una data abbastanza vicina all’opposizione in cui il cielo è sereno, esci e vai ad osservare il pianeta in tutta la sua luminosità!

I pianeti in opposizione sono visibili ad occhio nudo, ma si vedono ancora meglio con un paio di binocoli o un telescopio: per esempio, con un telescopio da 10 centimetri di diametro, si vedono senza problemi gli anelli di Saturno, compresa la Divisione di Cassini tra di essi. Per sapere quando un pianeta sorgerà sulla posizione dell’osservatore e quanto luminoso sarà, basta guardare nell’app per le osservazioni astronomiche Sky Tonight: la sua funzione incorporata di calendario astronomico segnala tutti i prossimi eventi e usando la mappa del cielo notturno presente nell’applicazione, trovare gli oggetti da osservare sarà ancora più semplice.

Perché le opposizioni planetarie sono così interessanti?

L’opposizione è il momento migliore per osservare un pianeta o un altro corpo celeste perché, in questo frangente, l’oggetto in questione è interamente illuminato dal Sole, apparendo dunque quanto mai luminoso nel cielo notturno; in più, le opposizioni planetarie avvengono quando il pianeta è nel punto della sua orbita più vicino alla Terra, facendo apparire il corpo celeste più grande. Marte è il pianeta con cui questo cambio di dimensioni si nota di più, dato che è il pianeta esterno più vicino alla Terra. Cosa ancora più importante, un’opposizione fornisce tutto il tempo che serve per fare osservazioni! Un corpo celeste in opposizione è visibile in cielo durante tutta la notte e raggiunge la posizione migliore per l’osservazione verso mezzanotte. Non è un caso che molti asteroidi ed altri corpi celesti meno luminosi nel Sistema Solare siano stati scoperti quando erano in opposizione.

Opposizioni planetarie nel 2023

Ecco l'elenco delle opposizioni planetarie che si verificheranno nel 2023. Il calendario completo di tutti gli eventi che coinvolgono pianeti ed altri corpi celesti si trova nell’app per l’osservazione Sky Tonight.

27 agosto: Saturno in opposizione

Il 27 agosto, alle 14:52 GMT, Saturno raggiungerà l'opposizione in cui sarà completamente illuminato dal Sole e brillerà al massimo con una magnitudine di 0,4. Il pianeta inanellato si troverà nella costellazione dell'Acquario, che ad occhio nudo apparirà come un punto giallastro. Potrai vedere la forma ovale di Saturno con un binocolo, ma avrai bisogno di almeno un piccolo telescopio da 4 pollici per vedere i suoi anelli.

Per alcuni giorni intorno al periodo dell'opposizione, gli osservatori potrebbero notare un insolito schiarimento degli anelli di Saturno, noto come effetto Seeliger. Durante l'opposizione, il Sole brilla direttamente su Saturno dal nostro punto di osservazione, quindi il pianeta e le particelle dei suoi anelli sono completamente illuminati e non proiettano ombre. Inoltre, la luce solare interagisce con le particelle negli anelli del pianeta e si riflette molte volte, rendendo gli anelli ancora più luminosi.

19 settembre: Nettuno in opposizione

L'opposizione di Nettuno avverrà il 19 settembre, alle 16:54 GMT. Il pianeta brillerà con una magnitudine di 7,8 nella costellazione dei Pesci. Sorgerà subito dopo il tramonto nella direzione opposta al Sole, raggiungerà il suo punto più alto intorno alla mezzanotte ora locale e rimarrà in cielo fino all'alba. Anche nel suo stato più luminoso, Nettuno sarà difficile da distinguere nel cielo notturno, quindi prendi un telescopio per goderti la vista del pianeta.

3 novembre: Giove in opposizione

Giove sarà in opposizione il 3 novembre, alle 10:44 GMT. Cerca il puntino fiammeggiante nella costellazione dell'Ariete. Brillerà con una magnitudine di -2,9, rendendolo il corpo celeste più luminoso dopo "la stella del mattino" Venere. Non preoccuparti se dovessi perderti il momento esatto dell'opposizione. Il pianeta sarà ben posizionato per le successive settimane e rimarrà nel cielo serale per molti altri mesi.

14 novembre: Urano in opposizione

Il 14 novembre, alle 00:32 GMT, Urano raggiungerà l'opposizione. Il pianeta brillerà con una magnitudine di 5,6 nella costellazione dell'Ariete. Anche quando sarà più grande e luminoso, Urano sarà comunque difficile da individuare, quindi è meglio cercarlo con almeno un piccolo telescopio. Il pianeta sarà nella posizione migliore da osservare intorno alla mezzanotte, ora locale.

Altre opposizioni imminenti nel 2023

Non sono solo i pianeti, ma anche comete, asteroidi ed altri corpi del Sistema Solare a raggiungere l’opposizione. Tali eventi sono più difficili da osservare, e quindi vengono considerati per gli astro-osservatori esperti. L’opposizione è anche il momento migliore per la caccia agli asteroidi: se il vostro sogno è di scoprire un asteroide sconosciuto, vi consigliamo di guardare nella direzione opposta rispetto al Sole, durante la notte, e forse la fortuna vi arriderà!

Asteroidi in opposizione

  • 26 gennaio, 16:46 GMT: 6 Hebe (mag 8,7), costellazione del Cancro.
  • 30 aprile, 19:10 GMT: 7 Iris (mag 9,6), costellazione della Bilancia.
  • 6 giugno, 11:58 GMT: 11 Parthenope (mag 9,3), costellazione di Ofiuco.
  • 7 luglio, 23:58 GMT: 15 Eunomia (mag 8,8), costellazione del Sagittario.
  • 10 agosto, 09:34 GMT: 10 Hygiea (mag 9,7), costellazione dell'Acquario.
  • 26 agosto, 23:58 GMT: 8 Flora (mag 8,4), costellazione dell'Acquario.
  • 2 ottobre, 04:46 GMT: 29 Anfitrite (mag 8,9), costellazione dei Pesci.
  • 5 novembre, 14:22 GMT: 18 Melpomene (mag 8,2), costellazione di Eridano.
  • 18 dicembre, ore 16.46 GMT: 37 Fides (mag 9,8), costellazione dell'Auriga.
  • 21 dicembre, 23:58 GMT: 4 Vesta (mag 6,6), costellazione di Orione.
  • 22 dicembre, 21:34 GMT: 9 Metis (mag 8,4), costellazione dei Gemelli.
  • 28 dicembre, 16:46 GMT: 5 Astraea (mag 9,4), costellazione di Orione.

Pianeti nani in opposizione

  • 21 marzo, 17:41 GMT: 1 Cerere (mag 7,1), costellazione della Chioma di Berenice.
  • 30 marzo, 02:40 GMT: 136472 Makemake (mag 17,2), costellazione della Chioma di Berenice.
  • 20 aprile, 16:30 GMT: 136108 Haumea (mag 17,3), costellazione di Boote.
  • 22 luglio, 12:26 GMT: 134340 Plutone (mag 14,9), costellazione del Capricorno.
  • 18 ottobre, 16:17 GMT: 136199 Eris (mag 18,7), costellazione della Balena.

F.A.Q.

Quali pianeti sono in opposizione adesso?

Saturno sarà il prossimo pianeta a raggiungere l'opposizione il 27 agosto 2023, alle 14:52 GMT. Per ora, puoi osservare Marte, che ha raggiunto l'opposizione l'8 dicembre 2022. Il pianeta si troverà in un punto propizio per l’osservazione per tutto il mese, brillando nel cielo tutta la notte.

Quanto spesso si verificano le opposizioni?

Un’opposizione planetaria si verifica quando la Terra si trova tra il Sole ed un pianeta. Ciò accade ogni anno per i pianeti esterni, eccezion fatta per Marte, il quale, essendo molto vicino alla Terra ed avendo un’orbita ed una velocità orbitale molto simile a quelle del nostro pianeta, viene raggiunto da quest’ultimo solo ogni 27 mesi, motivo per cui le opposizioni marziane si verificano ogni due-tre anni.

Quanto dura un’opposizione?

Si dice che un pianeta sia “in opposizione” in un momento molto preciso, ma il periodo di opposizione dura per qualche settimana: durante questo lasso di tempo, il pianeta sarà nella posizione migliore per l’osservazione, in quanto sorgerà ad est quando il Sole tramonterà ad ovest, raggiungerà lo zenit attorno a mezzanotte, e tramonterà all’alba.

Qual è il contrario dell’opposizione, in astronomia?

Il contrario dell’opposizione in astronomia è la congiunzione: durante la congiunzione tra il Sole ed un pianeta, quest’ultimo si trova alla distanza minore possibile dalla nostra stella, come visto nel nostro cielo, e questo ne fa il momento più difficile per osservare un pianeta, in quanto il Sole ne ostacola la vista. Eppure ci sono altre congiunzioni astronomiche che non hanno a che fare con il Sole: ad esempio, le congiunzioni tra pianeti e quelle tra Luna e pianeti, entrambe piuttosto interessanti da osservare!

In conclusione: L’opposizione è il momento migliore per osservare i pianeti, in quanto questi brillano più luminosi e grandi che mai e sono visibili durante tutta la notte. Il lato positivo è che non è necessario cogliere il momento esatto dell’opposizione per godersi un tale spettacolo. Scegli il momento in cui vai meglio, allontanati dalle luci della città ed osserva l’opposizione planetaria in tutto il suo splendore!

Se ti è piaciuto, condividi questo articolo con i tuoi amici sui social media. Vi auguriamo cieli sereni e osservazioni fruttuose!

Il testo di credito:
Immagine di credito:Vito Technology, Inc.
Trustpilot