Costellazioni zodiacali e segni zodiacali

~8 min
Costellazioni zodiacali e segni zodiacali

La gran parte delle persone, anche coloro che non hanno dimestichezza con l’astronomia o l’astrologia, sanno delle 12 costellazioni zodiacali e dei 12 segni zodiacali corrispondenti. Ma alcune fonti affermano che ne esistano 13, mentre altre dichiarano che ce ne siano anche di più. Questo articolo spiega come mai ci siano queste divergenze d’opinione sul numero esatto e come le costellazioni zodiacali differiscano dai segni zodiacali.

Contenuti

Storia dello zodiaco

La parola zodiaco deriva dal greco e significa “circolo degli animali celesti”, ma è un concetto che fu ripreso a sua volta da una tradizione babilonese nata nel V secolo a.C. Gli astronomi babilonesi divisero la striscia di cielo dove passano il Sole, la Luna ed i pianeti in 12 porzioni uguali di 30° di longitudine celeste ciascuna. Queste porzioni demarcano 12 mesi da 30 giorni l’uno e ricevettero il nome che conosciamo oggi di “segni zodiacali”.

Le costellazioni che si trovano sul percorso celeste di Sole, Luna e pianeti furono osservate ancora prima. La prima menzione risale all’antica Babilonia, attorno al 1000 a.C., ma all’epoca corrispondevano solo grossolanamente ai 12 segmenti già citati. Ad ogni modo, a queste dodici costellazioni furono dati gli stessi nomi dei segni zodiacali. I nomi tradotti di questi segni zodiacali e delle costellazioni sopravvissero nei lavori degli astrologi e degli astronomi greci, uno tra tutti Claudio Tolomeo il quale, nel II secolo d.C., scrisse l’Opera In Quattro Libri che servì da base per l’astrologia zodiacale occidentale.

Lo zodiaco era solo un concetto astrologico fino a quando non comparve il modello eliocentrico. Gli antichi pensavano che gli oggetti celesti ruotassero attorno alla Terra, dunque sembrava loro ovvio che le forze dell’universo si incentrassero sugli esseri umani. Solo nel XVII secolo, quando venne inventato il telescopio e le persone realizzarono che è la Terra ad orbitare attorno al Sole, le osservazioni astronomiche dello zodiaco iniziarono ad essere più rispettate.

Quali sono i segni zodiacali?

I segni zodiacali sono le dodici sezioni di 30° create in analogia con “l’anno ideale” degli antichi, con dodici mesi da 30 giorni l’uno. Quasi tutti i segni rappresentano esseri viventi, tranne la Bilancia. Nell’astrologia occidentale moderna, si pensa che i segni zodiacali influenzino in qualche modo la vita dell’individuo.

Quali sono le costellazioni zodiacali?

Le costellazioni zodiacali sono le costellazioni che si trovano lungo il percorso del Sole nel cielo, le quali corrispondono, a grandi linee, con i segni zodiacali tradizionali. Le costellazioni zodiacali, nonostante siano storicamente connesse con l’astrologia, adesso sono considerate come valide guide per l’osservazione astronomica.

Quante costellazioni ci sono nello zodiaco?

Il dibattito sul numero esatto di costellazioni nello zodiaco si protrae da oltre 10 anni. Alcuni dicono che esistano 13 costellazioni, altri sostengono siano più di 20. Cosa causa questa contesa? Di seguito la spiegazione.

12 costellazioni zodiacali

Ci sono dodici costellazioni che corrispondono a grandi linee con i segni zodiacali tradizionali e sono riconosciute come parte dello zodiaco. Queste sono:

  • Ariete;
  • Toro;
  • Gemelli;
  • Cancro;
  • Leone;
  • Vergine;
  • Bilancia;
  • Scorpione;
  • Sagittario;
  • Capricorno;
  • Acquario;
  • Pesci.

Esse sono tradizionalmente chiamate “zodiaco” ma oltre a ciò non esiste una vera e propria ragione per cui siano raggruppate così. Di seguito, le costellazioni trascurate.

Le 13 costellazioni sull’eclittica

Gli astrologi dicono che durante date particolari il Sole si trova “in” una determinata costellazione. Ma ci sono 13 costellazioni nel cielo che il Sole visita regolarmente ogni anno: Capricorno, Aquario, Pesci, Ariete, Toro, Gemelli, Cancro, Leone, Vergine, Bilancia, Scorpione, Sagittario e Ofiuco. L’ultima non ha un segno zodiacale tradizionale, ma come mai? Per saperlo, dovremmo chiederlo ai Babilonesi.

Gli astronomi babilonesi stabilirono i 12 segni zodiacali nel V secolo a.C. Essi conoscevano la tredicesima costellazione, l’Ofiuco, ma questa fu esclusa dal calendario antico con 12 mesi lunari: possiamo dunque affermare che i Babilonesi omisero l’Ofiuco per comodità. L’astrologia occidentale moderna segue ancora la tradizione babilonese, ma neanche le mappe stellari astronomiche fanno rientrare l’Ofiuco nello zodiaco, che infatti viene catalogato come appartenente al gruppo di Ercole.

Tutte insieme queste 13 costellazioni sono chiamate le costellazioni dell’eclittica. L’eclittica è l’intersezione del piano immaginario dell’orbita terrestre attorno al Sole con la sfera celeste; dalla Terra, essa viene vista come il percorso del Sole nel cielo in un anno, durante il quale il Sole sembra attraversare le costellazioni dell’eclittica una per una. La data in cui il sole entra in una costellazione e quella in cui esce si ripetono quasi perfettamente ogni anno: per l’Ofiuco, tali date sono il 30 novembre ed il 17 dicembre (le date possono slittare di un giorno, a seconda dell’anno e del fuso orario in cui ci si trova).

Per questo, qualcuno nato all’inizio di dicembre non deve meravigliarsi che il Sole si trovasse “in” Ofiuco e non nella costellazione del Sagittario.

Le 25 costellazioni nella fascia zodiacale

C’è un altro fatto sorprendente a proposito dello zodiaco: dimenticandosi per un attimo della tradizione ed ipotizzando che le costellazioni zodiacali siano le costellazioni che si trovano nello zodiaco, ne avremmo 25! Ecco spiegato perché.

Lo zodiaco, secondo la definizione consueta, è la fascia di cielo in cui si muovono il Sole, la Luna ed i pianeti del Sistema Solare. Esso si estende per circa 8° da entrambi i lati dell’eclittica. Le costellazioni presenti entro 8° da entrambe le parti dell’eclittica comprendono, oltre le tredici già citate: la Balena, il Corvo, il Cratere, l’Idra, Orione, Pegaso, lo Scudo, il Sestante, l’Auriga, il Cane Minore, il Serpente e l’Aquila. Sono 25 in tutto. Quanti di questi nomi avevi già sentito?

Ma il Sole attraversa solo le 13 costellazioni dell’eclittica, sono la Luna ed i pianeti ad incrociarsi con le altre che com’è noto non costituiscono segni zodiacali.

Comunque, la definizione dello zodiaco nella tradizione è comoda, perché in questo modo possiamo parlare delle stesse costellazioni in un contesto sia storico che astronomico. Secondo questa definizione, le costellazioni zodiacali sono le 12 costellazioni dell’eclittica che corrispondono ai segni zodiacali.

Qual’è la differenza tra le costellazioni zodiacali e segni zodiacali?

I segni zodiacali e le costellazioni zodiacali sono connessi da quando si ha memoria, ma non sono propriamente la stessa cosa. Nonostante i nomi suonino simili, essi differiscono tanto quanto l’astrologia differisce dall’astronomia. Di seguito i principali aspetti su cui non concordano.

Predire il futuro contro trovare i pianeti

I segni zodiacali sono oggi usati in astrologia per predire il futuro e descrivere il carattere di una persona. In astronomia, invece, sono degli oggetti di studio: in passato esse marcavano lo scorrere del tempo e delle stagioni, motivo per cui venivano usate dagli antichi per stilare calendari. Ancora oggi, sono usate nella navigazione e per le osservazioni astronomiche, in quanto sono particolarmente utili come punti di riferimento per trovare i pianeti, soprattutto per gli osservatori amatoriali.

Porzioni uguali contro dimensioni diverse

I segni zodiacali dividono la fascia zodiacale celeste in sezioni uguali di 30° ciascuna, che rappresentano mesi ideali lunghi 30 giorni ognuno. Ma le vere costellazioni hanno ciascuna una forma e una dimensione diversa: per esempio, la costellazione dello Scorpione ricopre un’area di 497 gradi quadrati, ed il Sole l’attraversa in soli 7 giorni; mentre la costellazione della Vergine misura 1294 gradi quadrati, ed il Sole impiega circa 45 giorni a passare da parte a parte.

Date antiche fisse contro le date astronomiche reali

Le date dei segni zodiacali sono ad oggi circa un mese in anticipo rispetto a quando il Sole “entra” effettivamente nella costellazione. Queste date vennero osservate e messe per iscritto più di duemila anni fa, ma oggi le cose sono cambiate: ad esempio l’Ariete, attualmente, incontra il Sole più o meno il 19 aprile (la data esatta dipende dall’anno e dal luogo) invece che nella data astrologica del 21 marzo, ragion per cui la grande maggioranza di coloro che pensano di essere Arieti in realtà sono nati quando il Sole si trovava nei Pesci.

La causa di questo cambio di date è la precessione degli equinozi terrestre. Il nostro pianeta è come una trottola: è appiattito ai poli e rigonfio all’equatore, deformato dalla gravità del Sole e della Luna. Per questo, mentre ruota su se stesso, dondola, tracciando un cono di 23,5° di raggio con il suo asse. Il dondolio è chiamato la precessione degli equinozi terrestri. Ogni rotazione dura un giorno, ma ogni roteazione attorno al cono dura 25 800 anni; questo movimento altera lentamente la posizione dello zodiaco percepita dalla Terra, facendo apparentemente spostare le costellazioni verso est di circa 1° in una vita umana (72 anni).

Si tenga a mente che, esattamente come nell’antichità, il Sole passa ancora attraverso la tredicesima costellazione Ofiuco, di cui si parlava prima, quindi nessuna costellazione incontra il Sole tra il 30 novembre ed il 17 dicembre; ciononostante, in astrologia, questi sono giorni del Sagittario.

Questo almeno è il punto di vista astronomico. Gli astrologi si difendono dicendo che essi usano lo zodiaco tropicale, che è legato alle stagioni, non alle costellazioni. Dunque, è una scelta personale credere di essere Ariete o Pesci, Sagittario o Ofiuco.

F.A.Q.

Dove si trovava il sole quando nascesti?

Di seguito sono riportate le date astronomiche di quando il Sole si trova in una determinata costellazione sull’eclittica al giorno d’oggi; le date di inizio e di fine possono variare di anno in anno di un giorno al massimo, a seconda dell’anno e del luogo:

  • Ariete: 19 Aprile – 13 Maggio;
  • Toro: 14 Maggio – 19 Giugno;
  • Gemelli: 20 Giugno – 20 Luglio;
  • Cancro: 21 Luglio – 9 Agosto;
  • Leone: 10 Agosto – 15 Settembre;
  • Vergine: 16 Settembre – 30 Ottobre;
  • Bilancia: 31 Ottobre – 22 Novembre;
  • Scorpione: 23 Novembre – 29 Novembre;
  • Ofiuco: 30 Novembre – 17 Dicembre;
  • Sagittario: 18 Dicembre – 18 Gennaio;
  • Capricorno: 19 Gennaio – 15 Febbraio;
  • Acquario: 16 Febbraio – 11 Marzo;
  • Pesci: 12 Marzo – 18 Aprile.

Le app astronomiche mostrano con precisione le costellazioni zodiacali?

Alcuni utenti si lamentano che le app Star Walk 2 e Sky Tonight mostrino una posizione sbagliata delle costellazioni zodiacali. Ad esempio, durante le date astrologiche del Sagittario, le app mostrano il Sole in Scorpione o addirittura nella tredicesima costellazione, Ofiuco. Nell’articolo, è stato spiegato che le date di un determinato segno zodiacale non corrispondono necessariamente alla posizione dei corpi celesti. Le date usate nelle app astronomiche non sono inventate, ma sono il risultato di calcoli precisi, cosicché l’app raffiguri ciò che succede nel cielo sopra di noi. Per sapere quali costellazioni siano visibili stanotte consigliamo di usare le app Star Walk 2 o Sky Tonight, perché osservare le stelle è più divertente che leggere un oroscopo!

Quale costellazione zodiacale è la più grande?

La Vergine è la costellazione zodiacale più estesa e la seconda costellazione più estesa di tutto il cielo, seconda solo all’Idra. La costellazione della Vergine ricopre 1294 gradi quadrati, ed è visibile da Novembre ad Agosto in entrambi gli emisferi, alle latitudini comprese tra i -80° ai +80°. Per trovare la Vergine nel cielo notturno più facilmente, basta usare l’app per l’osservazione Star Walk 2.

Dove si trovano le costellazioni zodiacali?

Le costellazioni zodiacali sono collocate lungo il percorso del Sole nel cielo durante l’anno. Per trovarle durante la notte, basta ricreare immaginariamente in modo approssimativo il percorso compiuto dal Sole durante la giornata, da est ad ovest. Si tenga presente che non è visibile la costellazione che si trova dietro al Sole in quel momento. Si consiglia di usare l’applicazione astronomica Sky Tonight per trovare tutte le costellazioni zodiacali.

Quante costellazioni intersecano l’eclittica?

Vi sono 13 costellazioni lungo l’eclittica: Ariete, Toro, Gemelli, Cancro, Leone, Vergine, Bilancia, Scorpione, Ofiuco, Sagittario, Capricorno, Acquario e Pesci. 12 di queste, escluso l’Ofiuco, sono chiamate anche costellazioni zodiacali. Per provare la propria conoscenza delle costellazioni, è possibile fare nostro quiz!

Le misteriose formazioni stellari nel cielo notturno hanno affascinato l'umanità fin dall'antichità. In questo quiz dovrai indovinare le costellazioni più famose dalle loro immagini. Riuscirai a distinguere Cassiopea dall'Orsa Maggiore? Gioca al nostro quiz e scoprilo!
Fai il quiz!

Che cos’è la luce zodiacale?

La luce zodiacale è una piramide di pulviscolo atmosferico illuminato dal Sole con la punta sull’eclittica che si estende dall’orizzonte verso l’alto. La luce zodiacale non ha a che vedere con le costellazioni zodiacali, ma con la fascia di cielo in cui la possiamo osservare. Questo raro evento celeste è osservabile in primavera ed in autunno. Per saperne di più sulla luce zodiacale, sarà sufficiente leggere il nostro articolo .

In conclusione: Ci sono 12 costellazioni che sono tradizionalmente chiamate “costellazioni zodiacali.” Queste sono storicamente connesse con i segni zodiacali, ma col passare del tempo le due cose si sono separate. I segni zodiacali ora sono usati solamente negli oroscopi degli astrologi, che possono essere divertenti da leggere ma non hanno nessuna base scientifica; le costellazioni zodiacali, d’altra parte, sono dei gruppi di stelle reali che chiunque può osservare. Esse sono studiate dagli astronomi e vengono usate anche per trovare pianeti ed altri corpi celesti.

Il testo di credito:
Immagine di credito:Vito Technology, Inc.
Trustpilot