1. Iniziale
  2. Notizie astronomiche

Qual è il motivo per cui le stagioni cambiano?

~3 min
Qual è il motivo per cui le stagioni cambiano?

Se ti sei mai chiesto cos'è che causa le stagioni sulla Terra, sei nel posto giusto. In questo articolo, ti daremo diverse definizioni delle stagioni e ti spiegheremo perché il nostro pianeta ha le stagioni.

Contenuti

Quante stagioni ci sono in un anno?

Una stagione è un periodo dell'anno caratterizzato da particolari condizioni meteorologiche, come gradazione della temperatura e numero di ore diurne. Il numero di stagioni dipende dalla posizione geografica e dalle tradizioni culturali della regione in cui ti trovi. Nelle regioni temperate e subpolari della Terra, l'anno viene diviso generalmente in quattro stagioni: primavera, estate, autunno e inverno.

Alcuni calendari dell'Asia meridionale prevedono sei stagioni invece di quattro. Ad esempio, il calendario indù ha le seguenti stagioni: Vasanta (primavera), Greeshma (estate), Varsha (monsone), Sharad (autunno), Hemanta (inizio inverno) e Shishira (fine inverno). In molte regioni tropicali l'anno viene diviso solamente in due stagioni: la stagione delle piogge e la stagione secca.

Quando iniziano le quattro stagioni?

Esistono principalmente due approcci per definire le date delle stagioni: meteorologico e astronomico.

Secondo l'approccio meteorologico, ogni stagione comprende tre mesi e inizia il primo giorno di un periodo di tre mesi. Quindi, per l'emisfero settentrionale, la primavera meteorologica inizia il 1 marzo, l'estate il 1 giugno, l'autunno il 1 settembre e l'inverno il 1 dicembre.

Secondo l'approccio astronomico, ogni stagione inizia o in corrispondenza del solstizio (quando il Sole raggiunge il punto più meridionale o settentrionale del cielo) o in corrispondenza dell'equinozio (quando il Sole passa sopra l'Equatore). Nell'emisfero settentrionale, la primavera astronomica coincide con l'equinozio di marzo, l'estate con il solstizio di giugno, l'autunno con l'equinozio di settembre e l'inverno con il solstizio di dicembre. A causa degli anni bisestili, le date degli equinozi e dei solstizi possono variare di uno o due giorni.

Perché abbiamo le stagioni?

Molte persone pensano che le stagioni cambino a causa dell'orbita ellittica del nostro pianeta: quando la Terra è più vicina al Sole, il clima diventa più caldo e quando è più lontana, le temperature scendono. Tuttavia, poiché l'orbita della Terra è quasi circolare, questa ha scarso effetto sugli standard meteorologici e di temperatura.

La vera ragione dietro le variazioni stagionali è l'inclinazione dell'asse della Terra, in astronomia nota anche come obliquità. L'asse di rotazione del nostro pianeta è inclinato di un angolo di circa 23,5 gradi rispetto al piano orbitale. Molto probabilmente, l'inclinazione è stata causata da una collisione con un altro pianeta delle dimensioni di Marte.

Sebbene l'inclinazione assiale non cambi nel corso dell'anno, l'orientamento della Terra rispetto al Sole varia continuamente mentre ruotiamo attorno alla nostra stella. Quindi, quando uno degli emisferi della Terra è orientato verso il Sole, riceve più ore di luce diurna e avremo primavera ed estate; quando è inclinato lontano dal Sole, fa più freddo ed avremo autunno e inverno.

In che modo le stagioni sono diverse negli emisferi nord e sud?

Le stagioni dell'emisfero australe sono opposte alle stagioni presenti a nord dell'equatore. Quando è inverno negli Stati Uniti, è estate in Sud America; e quando la stagione primaverile arriva in Europa, in Australia inizia l'autunno. Quindi ora ti sarà più chiaro che ciò accade perché gli emisferi settentrionale e meridionale sono inclinati verso il Sole in diversi periodi dell'anno.

Gli altri pianeti hanno le stagioni?

Ogni pianeta del Sistema Solare ha stagioni perché gli assi di rotazione di tutti e otto i pianeti sono inclinati. Tuttavia, le stagioni sugli altri pianeti sono molto diverse dalle stagioni della Terra.

Prendiamo, ad esempio, Urano. Questo pianeta è inclinato di quasi 98 gradi, quindi il suo asse di rotazione è quasi parallelo al suo piano orbitale. Inoltre, Urano impiega 84 anni terrestri per completare un'orbita attorno al Sole. Di conseguenza, il gigante di ghiaccio ha stagioni di 21 anni; durante le stagioni inverno-estate, il lato invernale del pianeta non vede il Sole per 21 anni terrestri.

Il resto dei pianeti non è meno bizzarro: per esempio, le stagioni di Venere sono più brevi dei suoi giorni e su Mercurio non puoi nemmeno dire quando finisce una stagione e ne inizia un'altra.

Ora sai perché, sulla Terra abbiamo le stagioni. Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici. E se hai ancora domande sulle stagioni, non esitare porgerle sui nostri social media!

Il testo di credito:
Immagine di credito:Vito Technology, Inc.
Trustpilot