Turismo spaziale: un civile può andare nello spazio?

~5 min
Turismo spaziale: un civile può andare nello spazio?

Il 2021 è stato un anno impegnativo per il turismo spaziale privato: complessivamente più di 15 civili hanno fatto un viaggio nello spazio durante quest'anno. In questo articolo, imparerai di più sull'industria del turismo spaziale, sulla sua storia e sulle aziende che hanno maggiori probabilità di renderti un turista spaziale.

Contenuti

Che cos'è il turismo spaziale?

Il turismo spaziale è il viaggio umano nello spazio per scopi ricreativi o di svago. È diviso in diversi tipi, tra cui il turismo spaziale orbitale, suborbitale e lunare.

Tuttavia, esistono definizioni più ampie per il turismo spaziale. Secondo la Guida al turismo spaziale, il turismo spaziale è un'attività commerciale correlata allo spazio che include andare nello spazio come turista, guardare il lancio di un razzo, osservare le stelle o viaggiare verso una destinazione nello spazio.

Breve storia del turismo spaziale

Il primo turista spaziale è stato Dennis Tito, un miliardario americano, che ha trascorso quasi otto giorni a bordo della Stazione Spaziale Internazionale nell'aprile 2001. Questo viaggio gli è costato 20 milioni di dollari e ha reso Tito il primo privato cittadino che ha acquistato il suo biglietto spaziale. Negli otto anni successivi, altri sei privati cittadini hanno seguito Tito sulla Stazione Spaziale Internazionale per diventare turisti spaziali.

Quando il turismo spaziale è diventato una cosa reale, dozzine di aziende sono entrate in questo settore sperando di capitalizzare il rinnovato interesse pubblico per lo spazio, tra cui Blue Origin nel 2000 e Virgin Galactic nel 2004. Negli anni 2000, i turisti spaziali erano limitati ai lanci a bordo degli aerei russi Soyuz e poteva andare solo sulla ISS. Tuttavia, tutto è cambiato quando gli altri giocatori hanno iniziato a crescere sul mercato. Ora, ci sono una varietà di destinazioni e compagnie per i viaggi nello spazio.

Aziende di turismo spaziale

Ora, ci sono sei grandi compagnie spaziali che stanno organizzando o pianificando di organizzare voli turistici nello spazio:

  • Virgin Galactic;
  • Blue Origin;
  • SpaceX;
  • Boeing;
  • Axiom Space;
  • Space Perspective.

Mentre le prime due si concentrano sui voli suborbitali, Axiom e Boeing stanno lavorando su missioni orbitali. SpaceX, a sua volta, sta dando la priorità al turismo lunare in futuro. Per ora, la compagnia di Elon Musk ha permesso che la sua navicella spaziale Crew Dragon fosse noleggiata per voli orbitali, come è successo con la missione di 3 giorni Inspiration4. Space Perspective sta sviluppando un diverso sistema basato su mongolfiera per trasportare i clienti nella stratosfera e prevede di iniziare i suoi voli commerciali nel 2024.

Voli spaziali orbitali e suborbitali

I voli orbitali e suborbitali sono molto diversi. Fare un volo orbitale significa restare in orbita; in altre parole, fare il giro del pianeta continuamente ad altissima velocità per non ricadere sulla Terra. Un viaggio del genere richiede diversi giorni, anche una settimana o più. Un volo suborbitale a sua volta è più simile a un salto spaziale: decolla, fai un enorme arco e alla fine ricadi sulla Terra, senza mai entrare in orbita. La durata di un volo, in questo caso, varia dalle 2 alle 3 ore.

Ecco un esempio: un volo spaziale ti porta a un'altitudine di 100 km sopra la Terra. Per entrare in orbita, ovvero fare un volo orbitale, dovresti guadagnare una velocità di circa 28.000 km all'ora o più. Ma per raggiungere l'altitudine data e ricadere sulla Terra, quindi fare un volo suborbitale, dovresti volare a soli 6.000 km all'ora. Questo volo richiede meno energia, meno carburante, quindi, è meno costoso.

Quanto costa a una persona andare nello spazio?

  • Virgin Galactic: 250.000 $ per un volo suborbitale di 2 ore a un'altitudine di 80 km;
  • Blue Origin: circa 300.000 $ per 12 minuti di volo suborbitale ad un'altitudine di 100 km;
  • Axiom Space: 55 milioni di dollari per un volo orbitale di 10 giorni;
  • Space Perspective: 125.000 $ per un volo di 6 ore fino al confine dello spazio (32 km sopra la Terra).

Il prezzo varia, ma ricorda che i voli spaziali suborbitali sono sempre più economici.

Vale la pena fare del turismo spaziale?

Cosa ti aspetti esattamente da un viaggio nello spazio? Oltre alle impressionanti impressioni, ecco cosa puoi provare durante un viaggio del genere:

  • assenza di peso; tieni presente che durante un volo suborbitale avrai solo un paio di minuti in assenza di gravità, ma sarà veramente affascinante;
  • sindrome da adattamento allo spazio; i sintomi includono sudorazione fredda, malessere, perdita di appetito, nausea, affaticamento e vomito. Anche gli astronauti esperti non ne sono immuni;
  • forza G; 1G è l'accelerazione che percepiamo dovuta alla forza di gravità; una normale esperienza di astronauti con forza G durante il lancio di un razzo è di circa 3 G. Per capire come la forza G influenza le persone, guarda questo video.

Posso diventare un turista spaziale?

Per ora, la barriera più significativa per il turismo spaziale è il prezzo. Ma anche i viaggi aerei una volta erano costosi; un biglietto di sola andata costa più della metà del prezzo di un'auto nuova. Molto probabilmente, anche il prezzo per i viaggi nello spazio si ridurrà col tempo. Per ora, devi essere abbastanza ricco o vincere una competizione, come ha fatto Sian Proctor, un membro della missione Inspiration4. Ma prima di spendere migliaia di dollari in viaggi nello spazio, ecco un altro fatto che potresti voler considerare.

Perché il turismo spaziale è dannoso per l'ambiente?

I lanci di razzi sono dannosi per l'ambiente in generale. Durante la combustione dei combustibili per missili, i motori a razzo rilasciano gas nocivi e particelle di fuliggine (note anche come carbonio nero) nell'atmosfera superiore, con conseguente impoverimento dell'ozono. Pensa a questo: nel 2018 i razzi che producono carbonio nero hanno emesso circa la stessa quantità di carbonio nero che l'industria aeronautica globale emette ogni anno.

Tuttavia, non tutte le compagnie spaziali utilizzano il carbonio nero come carburante. Il nuovo razzo Shepard di Blue Origin ha un motore alimentato a idrogeno liquido: l'idrogeno non emette carbonio, ma si trasforma semplicemente in vapore acqueo durante la combustione.

Il motivo principale per cui il turismo spaziale potrebbe essere dannoso per l'ambiente è la sua potenziale popolarità. Con l'aumento della quantità di lanci di razzi, l'impronta di carbonio non farà che aumentare: la sola Virgin Galactic mira a lanciare 400 di questi voli all'anno. Nel frattempo, la fuliggine rilasciata da 1.000 voli di turismo spaziale potrebbe riscaldare l'Antartide di quasi 1°C!

Vorresti diventare un turista spaziale? Facci sapere la tua opinione sui social e condividi l'articolo con i tuoi amici, se ti è piaciuto!

Il testo di credito:
Immagine di credito:Vito Technology, Inc.
Trustpilot