Phobos e Deimos: le lune impossibili di Marte

~5 min
Phobos e Deimos: le lune impossibili di Marte

145 anni fa, nell'agosto del 1877, furono ufficialmente scoperte due lune orbitanti attorno a Marte: Phobos e Deimos. Si sono rivelati tra i più strani satelliti naturali dell'intero sistema solare. Analizziamo cosa c'è di così speciale in queste lune.

Contenuti

Fatti interessanti

  • Se potessi trascorrere qualche giorno su Marte, rimarresti sorpreso dallo strano movimento delle sue lune. Durante il lento viaggio di 66 ore di Deimos attraverso il cielo verso ovest, Phobos oscilla rapidamente nella direzione opposta più di sei volte.

  • Phobos orbita intorno al suo pianeta più vicino di qualsiasi altra luna nel Sistema Solare - a soli 6.000 km dalla superficie marziana (in confronto, la nostra Luna è a 384.400 km dalla Terra). Deimos è al secondo posto tra le lune dei pianeti del Sistema Solare.

  • Marte perderà le sue lune. Phobos, che si avvicina lentamente a Marte, si schianterà contro il pianeta o si romperà in un anello. Deimos, al contrario, si allontana da Marte e alla fine lascerà l'orbita del pianeta.

  • Sebbene Phobos abbia solo l'1% del diametro della nostra Luna, appare circa la metà della larghezza vista da Marte. Deimos, a sua volta, sembra simile a una stella per dimensioni dal Pianeta Rosso.

  • L'origine di Phobos e Deimos è ancora controversa e non corrisponde alla formazione tipica delle lune dei pianeti.

Quante lune ha Marte?

Ad oggi, Phobos e Deimos rimangono le uniche due lune scoperte nell'orbita di Marte. Esistono teorie che ipotizzano che il pianeta abbia ancora altre lune, grandi circa 50-100 metri, ma non ne è stata ancora trovata nessuna.

Phobos (Marte I)

  • Raggio: 11,2 km
  • Massa: 1,0659×10^16 kg
  • Velocità orbitale (siderale): 7 h 39 m 12 sec
  • Temperatura della superficie: da −4 °C a −112 °C
  • Distanza orbitale: 9235,6 km
  • Rotazione: sincrono
  • Magnitudine apparente: 11,8
  • Prende il nome da: il dio greco del timore e del panico

Deimos (Marte II)

  • Raggio: 6,2 km
  • Massa: 1,4762×10^15 kg
  • Velocità orbitale (siderale): 30,3 hours
  • Temperatura della superficie: -40,15°C
  • Distanza orbitale: 23,458 km
  • Rotazione: sincrono
  • Magnitudine apparente: 12,89
  • Prende il nome da: il dio greco della paura e del terrore

Teorie sull'origine delle lune marziane

Ci sono delle teorie che spiegano l'origine delle lune marziane. Diamo un'occhiata da vicino a queste teorie.

Sono ex asteroidi

Phobos e Deimos, di forma irregolare e piene di crateri, potrebbero essere asteroidi catturati dall'attrazione gravitazionale di Marte (proprio come Febe di Saturno o Tritone di Nettuno). Ma l'orbita quasi circolare delle lune marziane è improbabile in questo scenario. Le simulazioni al computer mostrano che se Phobos e Deimos fossero davvero asteroidi, avrebbero orbite più irregolari.

Sono il risultato di un gigante impatto

Le lune marziane potrebbero essersi formate in seguito a un impatto massiccio (come probabilmente è accaduto con la Luna della Terra e le lune di Plutone). L'impatto ha mandato rocce e detriti in orbita intorno al Pianeta Rosso. Ma, come per l'ipotesi dell'asteroide, le simulazioni al computer smentiscono questa teoria. Apparentemente, non esiste una combinazione di parametri di collisione che porti alla formazione di due lune piccole e di bassa massa, come Phobos e Deimos.

Si sono formati dalla roccia e dalla polvere intorno a Marte

Phobos e Deimos potrebbero essersi formati da un gigantesco disco di roccia e polvere che orbitava attorno a Marte agli albori del Sistema Solare. La stessa cosa è accaduta con la maggior parte delle lune dei sistemi di Giove, Saturno e Urano. Ma gli scienziati sostengono che ciò richiede un disco grande e massiccio, e se mai ne fosse esistito uno intorno a Marte, sarebbe più probabile la formazione di un'unica luna più grande invece di due piccole.

Sono i resti di una luna in frantumi

Poiché le tre teorie precedenti che spiegavano la formazione di altri satelliti naturali non sono in grado di spiegare le lune marziane, gli scienziati hanno elaborato una nuova idea.

Recenti ricerche hanno mostrato che le orbite di Phobos e Deimos potrebbero essersi intersecate tra 1 e 2,7 miliardi di anni fa, suggerendo che il loro predecessore era una luna più grande che probabilmente si è spezzata a causa di un impatto gigante. I detriti di questa luna potrebbero essere caduti su Marte, il che spiega i numerosi crateri presenti sulla sua superficie.

Questa teoria ha bisogno di ulteriori dati per essere dimostrata. Gli scienziati ripongono le loro speranze nell'imminente missione Martian Moons eXploration dell'agenzia spaziale giapponese, che mira a analizzare le due lune e a portare campioni da Phobos. Chiarire l'origine delle due lune ci aiuterà a capire meglio la formazione del Sistema solare.

Chi ha scoperto le lune di Marte?

L'astronomo americano Asaph Hall scoprì le due lune marziane nel 1877. Trovò la prima luna, che chiamò Deimos, il 12 agosto 1877; la seconda la vide sei giorni dopo, il 18 agosto 1877, e la chiamò Phobos.

Gli astronomi hanno ipotizzato per la prima volta che Marte avesse delle lune nel XVII secolo, all'incirca nel periodo in cui furono scoperti i satelliti naturali di Giove. Ma l'idea non è nata da calcoli o osservazioni, bensì da un semplice errore.

Per mantenere la privacy, Galileo Galilei, nelle sue lettere a Giovanni Keplero (l'astronomo tedesco Johannes Kepler), usava anagrammi (testi criptati). Quando Galileo vide qualcosa di curioso vicino a Saturno, inviò a Keplero un anagramma che recitava: "Ho osservato che il pianeta più alto è triplo". Galileo intendeva Saturno e i suoi anelli (che scambiò per lune perché nel suo primitivo telescopio sembravano puntini). Tuttavia, Keplero interpretò il suo anagramma come "Marte ha due lune", il che, ovviamente, era vero, ma nessuno degli astronomi lo sapeva.

I telescopi di allora erano troppo deboli per mostrare le piccole lune marziane che orbitano molto vicino al pianeta. Dopo questa curiosa coincidenza, gli astronomi hanno trascorso altri due secoli a cercare di trovare satelliti naturali marziani.

Il nome delle lune di Marte

Asaph Hall ha dato alle lune marziane il nome dei gemelli della mitologia greca: Phobos, il dio della timore e del panico, e Deimos, il dio del terrore e della paura. Phobos e Deimos erano figli di Ares, il dio greco della guerra. Per i Romani, Ares era conosciuto come Marte.

Domande frequenti

Quali sono le due lune di Marte?

Marte ha due lune conosciute: Phobos e Deimos, designate, rispettivamente, come Marte I e Marte II. Sono entrambe molto piccole: Phobos ha un raggio di 11,2 km e Deimos di soli 6,2 km.

Marte perderà le sue lune?

I calcoli mostrano che Deimos si sta gradualmente allontanando da Marte e alla fine lascerà l'orbita del pianeta; Phobos invece si sta avvicinando al pianeta e un giorno probabilmente si scontrerà con Marte.

Cosa succederà esattamente a Phobos?

Marte distruggerà Phobos. La gravità del Pianeta Rosso attira Phobos di circa 1,8 metri ogni cento anni. A questo ritmo, tra 50 milioni di anni, la luna si schianterà sulla superficie di Marte o si romperà in un anello.

Chi ha scoperto le due lune di Marte, Phobos e Deimos?

L'astronomo americano Asaph Hall scoprì Phobos e Deimos nell'agosto del 1877. Hall vide per la prima volta Deimos il 12 agosto 1877 e Phobos il 18 agosto 1877. La storia racconta che stava per abbandonare le ricerche delle lune di Marte appena un giorno prima di trovare Deimos, ma la moglie di Hall, Angelina, lo esortò a continuare le osservazioni.

Conclusioni: Le due lune di Marte, Phobos e Deimos, sono tra le più strane lune del sistema solare. Sono minuscole, hanno una forma simile a quella degli asteroidi e orbitano intorno al Pianeta Rosso più vicino di qualsiasi altra luna. Inoltre, la loro origine non corrisponde alla formazione di altre lune e sembra quasi impossibile a prima vista.

Il testo di credito:
Immagine di credito:Vito Technology, Inc.
Trustpilot