Notizie dalla cintura di Edgeworth-Kuiper

* La traduzione di questo testo è stato fatto automaticamente.

Le foto scattate nel 2015 dalla sonda New Horizons della NASA hanno aiutato i ricercatori a rivelare alcuni nuovi fatti sulla formazione degli oggetti della fascia di Kuiper. Studiando la superficie della più grande luna di Plutone, hanno notato che il numero di piccoli crateri è relativamente basso.

La maggior parte dei crateri sui pianeti nani e sui suoi satelliti erano formati da collisioni con piccoli corpi provenienti dalla fascia di Kuiper. Poiché Plutone e Caronte sono vecchi residenti della fascia di Kuiper, la dimensione del cratere riflette le dimensioni degli oggetti che incidono (KBO). Gli astronomi hanno esplorato in dettaglio un'antica pianura di Caronte nota come Planitia Vulcaniana. Quest'area è stata scelta per la sua superficie ghiacciata, che consente di contare facilmente i crateri. Così, è stato scoperto che non c'è un cratere più piccolo di 8 miglia di larghezza.

Tale distinzione di piccoli crateri indica la mancanza di impattori che sono più piccoli di circa 1 miglio di diametro. Questi risultati hanno portato il team di ricerca ad assumere che i piccoli crateri non erano mai stati lì, tanto per cominciare. Fino a quel momento, gli astronomi erano soliti confrontare la Cintura di Kuiper con la fascia di asteroidi tra Marte e Giove. Le nuove osservazioni fanno loro sapere che la fascia di Kuiper è meno attiva. Si schianta su se stesso meno spesso impedendo la cascata di corpi più piccoli prodotti dalla cintura di asteroidi.

Il testo di credito:
Immagine di credito:NASA/JHUAPL/LORRI/SwRI

Star Walk 2

Star Walk 2 logo
Scarica su App StoreGet it su Google Play