Toro nel cielo notturno

* La traduzione di questo testo è stato fatto automaticamente.Mostra testo originale

Ogni anno all'inizio di dicembre, la caratteristica costellazione del Toro (il Toro) ritorna ai nostri cieli serali, che si alza quando scende l'oscurità e attraversa il cielo per tutta la notte. È una delle poche costellazioni invernali distintive facili da riconoscere con occhi non autorizzati. Contiene molti oggetti meravigliosi da osservare in piccoli o grandi telescopi: da spettacolari ammassi stellari a resti di supernova e altro ancora. Parliamo di alcuni dei suoi dolcetti che farai spiare durante una passeggiata invernale, e altri che fanno installare il tuo telescopio in una fredda sera d'inverno.

La costellazione del Toro si trova sull'eclittica, appena a nord dell'equatore celeste, rendendola visibile quasi globalmente. Con le scure costellazioni di Cetus (la Balena), Pisces (i pesci) e Acquario (il Portatore d'acqua) che si trova solo a ovest di esso (a destra), è piuttosto un'entrata mentre le lunghe notti autunnali si allungano. Il Toro è il primo di una parata di costellazioni molto più luminose e conosciute come Orion (il Cacciatore), Auriga (il Charioteer) e Gemini (i Gemelli). Essendo sul lato orientale del Toro, si alzano più tardi la sera. A nord si trova Perseo (l'Eroe) e sotto il Toro è la costellazione fioca e tortuosa Eridano (il Fiume).

Il Toro è dominato da diversi elementi che si combinano per creare il toro. Una grande disposizione triangolare di stelle forma la faccia del toro, con la luminosa stella rossastra Aldebaran seduta al vertice sud-orientale (in basso a sinistra), che segna il suo occhio minaccioso. Sta letteralmente vedendo il rosso! Due stelle luminose che si trovano a 1,5 pugno di diametro in basso a sinistra (est) segnano la punta delle sue corna. Ben sopra la faccia, il piccolo ammasso delle Pleiadi segna le sue spalle curve - e ad est, una manciata di stelle meno prominenti formano il suo petto e le sue zampe anteriori. Il resto di lui manca. Quando si alza ad est, è inclinato di lato, con le corna abbassate e le gambe estese - come se stesse caricando i gemelli dei Gemelli. Il suo non si raddrizza fino a dopo mezzanotte quando entra nella metà occidentale del cielo.

Questa settimana, il Toro si alza intorno alle 17:00 ora locale e sale in alto nel cielo meridionale verso mezzanotte, prima di scendere verso ovest per impostare intorno alle 7 del mattino. Per trovare il toro, continua la linea formata dalla cintura di Orione verso ovest (verso l'alto in prima serata, o verso destra in seguito) di circa due pugno teso (o 20 °) fino a raggiungere il luminoso Aldebaran. Se Orion non si è ancora alzato, puoi guardare in alto ad est per il piccolo gruppo di stelle blu chiamato Pleiadi. Il Toro è circa 12 ° sotto di esso.

La faccia triangolare del Toro è in realtà uno dei gruppi di stelle aperte più vicini a noi. È solo a circa 150 anni luce di distanza. Si chiama The Hyades, dal nome delle cinque figlie di Atlas nella mitologia greca. In realtà contiene diverse centinaia di stelle, con una mezza dozzina o quasi pronte da vedere sotto i cieli suburbani senza luna. È un obiettivo adorabile da vedere con il binocolo. A proposito, Aldebaran non fa parte del cluster. È meno della metà più lontana!

Uno degli oggetti più eccitanti del Toro occupa circa un centimetro e mezzo di larghezza al di sopra della faccia del toro. È il bellissimo ammasso stellare conosciuto come Le Pleiadi o le Sette Sorelle. È anche designato Messier 45 (o M45), parte della famosa lista di oggetti simili a comete di Charles Messier. Le Pleiadi sono formate dalle giovani stelle blu calde Asterope ("A-STER-oh-pee"), Merope, Electra, Maia, Taygeta, Celaeno e Alcyone, che sono effettivamente correlate - nate dalla stessa nuvola di gas primordiale. Nella mitologia greca erano le figlie di Atlas e le mezze sorelle delle Hyade. Ad occhio nudo si vedono solo sei stelle sorelle, con le loro stelle principali Atlas e Plione rannicchiate insieme all'estremità orientale del gruppo. Sotto ingrandimento, appaiono centinaia di stelle.

L'ammasso delle Pleiadi si trova a circa 450 anni luce di distanza e rappresenta un obiettivo meraviglioso per il binocolo o per un telescopio a basso ingrandimento, dove vengono rivelati molti altri fratelli! Un grande telescopio sotto cieli scuri rivelerà anche nebulosità blu attorno alle stelle - questa è la luce riflessa da gas non collegati che le stelle stanno attraversando. Galileo fu tra i primi ad osservare l'ammasso in un telescopio. Nel 1610 pubblicò uno schizzo fatto all'oculare. Non sorprende che molte culture, tra cui Aztec, Maori, Sioux, indù e altro, abbiano notato questo oggetto e sviluppato storie attorno ad esso. In Giappone, si chiama Suburu e forma il logo dell'omonimo produttore di automobili. A causa della sua forma e delle dimensioni ridotte, alcune persone confondono le Pleiadi per il Piccolo Carro.

Il resto della supernova chiamato Nebulosa del Granchio (o Messier 1) si trova a una larghezza di un dito sopra la stella corno inferiore del toro, Tianguan. Hai bisogno di un telescopio molto grande per vedere il resto come una macchia indistinta e sfocata - ma il 4 luglio 1054 dC gli astronomi cinesi registrarono che la stella che esplose per creare la Nebulosa del Granchio brillò abbastanza da vederla durante il giorno per tre settimane! Poi è svanito per diventare la stella più brillante della notte per alcuni mesi. L'oggetto è a circa 6.500 anni luce dal sole.

Ancora una sorpresa: una stella molto rossa di magnitudo 4.3 chiamata The Ruby Star (o 119 Tauri) si trova a 2,7 dita di larghezza a destra di Tianguan. È una stella variabile che pulsa ogni 165 giorni. Ci sono ancora più viste da vedere in Toro. E il bordo esterno della Via Lattea passa appena oltre le punte delle trombe, quindi quest'area premierà anche la scansione con il binocolo o il telescopio.

Il testo di credito:
Immagine di credito:Vito Technology

Star Walk 2

Star Walk 2 logo
Scarica su App Store

Star Walk 2 Free

Star Walk 2 Free logo
Get it su Google Play