60° anniversario del primo volo dell’uomo nello spazio

~4 min
60th Anniversary of Yuri Gagarin's flight

Il 12 aprile il mondo celebra la Giornata mondiale dell’uomo nello spazio (o Giornata della Cosmonautica), in cui si commemora il volo di Yuri Gagarin a bordo della navicella Vostok 1. Nel 2021 saranno passati 60 anni dal viaggio di Gagarin nello spazio. Oggi parleremo della storia di questo volo e ricorderemo un altro evento correlato allo spazio accaduto anch’esso il 12 aprile.

Puoi anche guardare il nostro breve documentario sul volo di Yuri Gagarin.

Preparativi per il lancio

Dopo il successo del lancio del primo satellite artificiale, Sputnik 1, nel 1957, l'Unione Sovietica iniziò a pensare al traguardo successivo: mandare il primo essere umano nell'orbita terrestre.

Nel gennaio 1959 i sovietici iniziarono a selezionare i candidati. I candidati dovevano essere intelligenti, resistenti allo stress e fisicamente in forma. Ma furono stabiliti anche altri requisiti: il futuro cosmonauta doveva essere maschio, di età compresa tra i 25 e i 30 anni, essere non più alto di 1,75 metri e pesare non più di 72 chilogrammi. Furono consigliati sei candidati; uno di essi, Yuri Gagarin venne scelto per diventare il primo essere umano ad andare nello spazio.

La navicella costruita per la missione si chiamava Vostok 1. Poiché l'Unione Sovietica aveva fretta di vincere la Corsa allo spazio con gli USA, per risparmiare tempo nella navicella no furono installati alcuni componenti importanti. Ad esempio, la Vostok 1 non aveva né un sistema di fuga di emergenza né uno di atterraggio morbido.

Se vuoi dare un'occhiata più da vicino alla navicella Vostok 1, scarica l'app Solar Walk 2. È un planetario tridimensionale che contiene modelli di alta qualità di corpi celesti e famose astronavi. Apri l'app, tocca l'icona a forma di lente d'ingrandimento nell'angolo in basso a sinistra dello schermo, digita "Vostok" e tocca il risultato della ricerca corrispondente. Apparirà un modello 3D della Vostok 1 in orbita attorno alla Terra. Tocca l'icona "i" nell'angolo in alto a destra per visualizzare le informazioni sulla navicella.

Il primo essere umano nello spazio

Il 12 aprile 1961, la Vostok 1 con a bordo Yuri Gagarin decollò dal cosmodromo di Baikonur. In generale, il volo andò abbastanza bene. Uno dei pochi momenti in cui Gagarin si sentì veramente stressato fu durante la fase di discesa. Una volta entrata nell’atmosfera terrestre, la navicella iniziò a “sciogliersi” a causa dell'attrito dell'aria. Gagarin vide il metallo rovente scorrere dal finestrino e udì la navicella crepitare. Alla fine dichiarò: "A dire la verità, non è stato divertente".

Neanche l'atterraggio andò come previsto. A causa di un guasto all'impianto frenante, la Vostok 1 mancò il sito di atterraggio originariamente previsto. Quando Gagarin fu espulso dalla capsula, vide che, invece della terraferma, sotto di lui c'era il fiume Volga. Fortunatamente, fu in grado di manovrare il paracadute fuori dal corso del fiume e di atterrare sul terreno. Le prime persone che incontrò furono la moglie di una guardia forestale locale e sua figlia. Inizialmente furono spaventati dalla vista di uno strano uomo che indossava un elmo e un'uniforme di colore arancione brillante, ma Gagarin parlò con loro e le calmò. I militari non persero tempo e arrivarono sul posto per portare Gagarin in una città vicina.

Prima di tornare sulla Terra, la Vostok 1 ha completato un'orbita attorno al nostro pianeta. La maggior parte delle fonti indica che il volo di Gagarin era durato 108 minuti. Tuttavia, questo dato non è corretto. Nel 2011, quando alcuni archivi sovietici furono declassificati, si venne a sapere che il volo è durato in realtà 106 minuti.

Dopo il volo, Yuri Gagarin divenne un eroe nazionale e una celebrità di livello mondiale. I giornali di tutto il mondo pubblicarono la sua biografia e i dettagli del suo volo. Negli anni successivi al volo, Gagarin ha anche visitato circa 30 Paesi.

40 anni dal primo lancio dello Space Shuttle

Un altro evento di notevole portata accaduto anch’esso il 12 aprile è stato il lancio del primo veicolo spaziale riutilizzabile con a bordo un equipaggio umano. Nel 1981, esattamente 20 anni dopo il volo di Gagarin, la NASA lanciò il Columbia, la prima navicella spaziale del programma Space Shuttle. A proposito, questa data fu scelta per una pura coincidenza: inizialmente, il lancio era previsto per il 10 aprile, ma venne ritardato a causa di alcuni problemi tecnici. Il comandante era un astronauta esperto, John Young, la nona persona a camminare sulla Luna nel 1972, mentre come pilota venne scelto Robert Crippen un astronauta alle prime armi.

L'obiettivo principale della missione era testare tutti i sistemi della navicella spaziale nell'orbita terrestre. Il Columbia trascorse nello spazio due giorni e completò 36 orbite intorno alla Terra. Il 14 aprile, la navetta atterrò nella base aeronautica di Edwards in California. Durante la sua vita, il Columbia ha compiuto 28 missioni, trascorrendo nello spazio più di 300 giorni.

A nostro avviso, il modo migliore per festeggiare i due anniversari è quello di lasciarsi coinvolgere in qualche attività spaziale. Guarda il nostro video sul primo uomo nello spazio, osserva le stelle con l'app Star Walk 2, studia il Sistema Solare con Solar Walk 2 o impara qualcosa di nuovo sullo spazio con uno dei nostri quiz. Tali anniversari non accadono tutti i giorni, quindi assicurati di festeggiarli!

Il testo di credito:
Immagine di credito:Vito Technology
Solar Walk 2 logo

Solar Walk 2

Scarica su App Store
Get it su Google Play