La Pioggia Meteorica delle Orionidi nel 2022: Il Momento del Picco & Come Osservarla

~4 min
La Pioggia Meteorica delle Orionidi nel 2022: Il Momento del Picco & Come Osservarla

Arrivano le Orionidi: questa famosa pioggia meteorica dà origine a delle meteore tra le più veloci e dal numero tra i più consistenti! Le meteore prodotte da questa pioggia meteorica sono rapide, quindi l’espressione “in un baleno” è proprio azzeccata. In questo articolo, spiegheremo perché vale davvero la pena di osservare questo evento astronomico!

Contenuti

Potete anche guardare il nostro video sugli sciami meteorici che si trova nel nostro canale YouTube.

Che cos’è lo sciame meteorico delle Orionidi?

Le Orionidi sono considerate uno degli sciami meteorici principali. Il loro periodo di attività va dal 2 ottobre al 7 novembre, con il picco di attività attorno al 21 ottobre, e in quella serata il TOZ (Tasso Orario Zenitale) sarà di circa 20 meteore all’ora, molte di più di quelle cui dà origine ogni altra pioggia meteorica del periodo tra ottobre e novembre.

Il radiante si trova nella costellazione di Orione, a nord della brillante Betelgeuse, ma le luminose Orionidi possono apparire in qualsiasi parte del cielo, solcando la volta celeste ad una velocità di 66 chilometri al secondo: per fare un confronto, la velocità delle sfuggenti Perseidi è di 59 chilometri al secondo. Le meteore delle Orionidi non sono le più veloci, ma mantengono comunque una posizione tra le prime cinque piogge meteoriche per velocità. Le Orionidi sono costituite da detriti lasciati dalla cometa 1P/Halley, che è uno dei corpi più scuri e meno riflettenti del Sistema Solare.

Come vedere lo sciame meteorico delle Orionidi?

Ci si potrebbe chiedere se vale davvero la pena di andare a caccia di queste meteore, poiché la loro velocità le rende così difficili da vedere, ma la risposta è sì, assolutamente! Alcune di queste meteore lasciano delle “scie” luminose composte da pezzetti di detriti incandescenti sul loro passaggio. Queste scie possono durare da pochi secondi fino a un minuto intero, creando un disegno mozzafiato per gli astro-osservatori sulla Terra. Lo sciame meteorico delle veloci Orionidi talvolta può anche dare origine a dei bolidi, ossia meteore più luminose di ogni altra stella o pianeta nel cielo.

Dove posso vedere lo sciame meteorico delle Orionidi?

Le Orionidi sono visibili sia dall’emisfero boreale che da quello australe. Nonostante il picco di attività sia il 21 ottobre, le osservazioni si possono iniziare anche prima. Attenzione però: l’inquinamento luminoso può interferire con l’osservazione delle “stelle cadenti”, quindi consigliamo di allontanarsi dalle luci della città, se possibile; almeno, la Luna non sarà un problema, in quanto sarà in fase di falce calante, per cui non molto luminosa, e sorgerà alla mattina presto.

A che ora sarà lo sciame meteorico delle Orionidi?

Cerca le meteore delle Orionidi dopo mezzanotte, a circa 45-90° di distanza dal radiante, in quanto, più lontane dal loro punto d’origine saranno osservate, più sembreranno luminose e con una scia lunga. Per trovare il loro radiante, consigliamo di usare l’app Star Walk 2: aprite l’applicazione, scrivete il nome dello sciame meteorico che vi interessa nella barra di ricerca, scegliete il risultato corrispondente dalla lista e cliccate sull’icona della bussola nell’angolo dello schermo in alto a sinistra per attivare la funzione “Star Spotter”, quindi seguite la freccia col vostro dispositivo per trovare il radiante nel cielo.

Seguendo il link, troverete un breve video che vi spiegherà come trovare gli oggetti nel cielo usando Star Walk 2. Per altri video, consultate la sezione Tutorials nel nostro sito.

Per non perdere il picco delle Orionidi, consigliamo di impostare un promemoria: potete farlo nell’app Sky Tonight, un altro strumento prezioso per gli appassionati di stelle cadenti. Aprite l’app, cliccate sull’icona della lente d’ingrandimento nella parte a destra della barra nella porzione bassa dello schermo, e scrivete “picco Orionidi” nella barra di ricerca: vi appariranno tutti gli eventi correlati, voi scegliete il risultato corrispondente e cliccate sull’icona a forma di mirino a fianco, quindi sull’iconcina della campanella in alto a sinistra e impostate l’orario in cui preferite ricevere la notifica di promemoria. Ora non potrete assolutamente dimenticarvi delle stelle cadenti!

Consigli per l’osservazione delle Orionidi

Mentre osservate le Orionidi, cercate le lunghe scie luminose che queste meteore lasciano dietro di sé nel cielo notturno, ma siate pazienti: l’occhio umano impiega circa 20 minuti ad adattarsi al buio e, di conseguenza, a captare la luce delle stelle cadenti. Conducete le osservazioni ad occhio nudo: un paio di binocoli o un telescopio non vi aiuteranno in questo caso, in quanto sono progettati per vedere oggetti più lenti.

Preparate il sacco a pelo e una coperta da mettere per terra, o in alternativa una sedia a sdraio, un thermos di caffè o tè caldo, e iniziate le vostre osservazioni. Prendete questo evento astronomico spettacolare come un’ottima opportunità per uscire di casa e passare un po’ di tempo fuori della caotica città.

Non scordatevi di condividere con noi sui nostri canali social le vostre foto e le vostre esperienze, saremo felici di sapere quante Orionidi siete riusciti a vedere.

Scopri le altre stelle cadenti di questo mese nel calendario degli sciami meteorici di ottobre 2022, dove sono riportate date, l’illuminazione della Luna, previsioni meteorologiche per le osservazioni ed altro ancora.

Vi auguriamo cieli sereni e buone osservazioni!

Il testo di credito:
Immagine di credito:Vito Technology, Inc.
Trustpilot