Gli sciami meteorici di ottobre

~4 min
Gli sciami meteorici di ottobre

Ottobre ci riserverà alcune entusiasmanti occasioni di osservare le stelle, oltre a diversi sciami meteorici. Gli osservatori di tutto il mondo faranno meglio a rimanere aggiornati e prepararsi a questi eventi. In questo articolo spieghiamo come e quando osservarne tre.

Se non sapete cosa sia uno sciame meteorico e come osservarlo, allora leggete questi due articoli: "Quattro sciami meteorici faranno la loro comparsa insieme questa estate" e "Tutto quello che devi sapere sulle Perseidi".

Lo sciame meteorico delle Draconidi

Il primo sciame meteorico è quello delle Draconidi, o Giacobinidi. Si verificherà tra il 6 e il 10 ottobre, con un picco previsto per l'8 ottobre. Il punto radiante si trova nella costellazione del Drago, da cui questo sciame prende il nome. Il corpo celeste da cui originano le Draconidi è la cometa 21P/Giacobini-Zinner.

L'attività delle Draconidi è variabile. Il più delle volte, il numero medio di meteore all'ora arriva a sei, a meno che la cometa da cui hanno origine non si trovi vicino alla Terra. Rispetto alle Perseidi, queste meteore sono lente e rare. Tuttavia, si sono registrati diversi i casi di brusco aumento dell’attività. Durante questi bruschi aumenti, la frequenza era da venti a centinaia di meteore all'ora. Nel 1998, gli astronomi della Siberia e dall'Estremo Oriente hanno avuto la fortuna di assistere a un breve periodo di notevole intensità, rilevando fino a 700 meteore all'ora. Nel 2011, gli osservatori europei hanno potuto osservare oltre 600 meteore all'ora.

Il momento migliore per ammirare questo sciame meteorico è all’imbrunire, o nella prima serata, e la possibilità di osservarlo non dipenderà dalla vostra posizione. Perché all’imbrunire? Perché è il momento in cui la costellazione del Drago raggiunge il punto più alto nel cielo. Potete leggere ulteriori informazioni su questa costellazione e scoprire come localizzarla rapidamente con l'aiuto di Star Walk 2, disponibile su nostro profilo Facebook. Ricordate: per poter ammirare le stelle cadenti nel cielo non è necessario volgere lo sguardo direttamente verso la costellazione, bensì determinare solo quando raggiungerà il punto più in alto nella volta celeste.

È più probabile che a poter ammirare le Draconidi siano gli osservatori situati nell'emisfero boreale, ma anche quelli situati nell’emisfero australe potrebbero scorgerne alcune. Provate a cercarle all’imbrunire del 7 e 8 ottobre. La finestra di osservazione sarà piuttosto limitata.

Secondo la International Meteor Organization, quest'anno le Draconidi potrebbero produrre un'attività leggermente maggiore, in quanto la Terra transiterà vicino a due scie lasciate dalla cometa 21P/Giacobini-Zinner. Questo si verificherà il 7 ottobre, alle ore 1:25 GMT e alle ore 1:57 GMT e i punti di osservazione ottimali saranno la costa orientale del Nord America, dove in questo periodo il punto radiante si troverà sul punto più alto nel cielo. Anche le zone tropicali dell'emisfero australe saranno un buon punto di osservazione, ma il numero di meteore visibili sarà inferiore a causa della minore altitudine del radiante.

Lo sciame meteorico delle Tauridi meridionali

Lo sciame meteorico delle Tauridi è suddiviso in due rami: quello settentrionale e quello meridionale. Il ramo meridionale sarà attivo dal 10 settembre al 20 novembre e raggiungerà il suo picco approssimativamente un mese prima di quello settentrionale - il 9 ottobre. Questo sciame meteorico è associato alla cometa 2P/Encke.

Le Tauridi meridionali possono rappresentare un'ottima opportunità di osservazione per gli astrofotografi e gli astronomi dilettanti! Molte Tauridi sono relativamente lente e luminose, il che le rende obiettivi ideali per l’osservazione. Tuttavia, a causa della bassa e costante frequenza, questo sciame meteorico è un ottimo oggetto di osservazione per i neofiti. A causa del radiante quasi eclittico, il suo flusso è osservabile da tutte le latitudini, anche se l'emisfero boreale potrebbe essere lievemente privilegiato. Aspettatevi una frequenza di circa cinque meteore all'ora e provate a catturare le Tauridi ogni volta che il suo punto radiante, situato nella costellazione della Balena, sarà sopra l'orizzonte.

Lo sciame meteorico delle Delta Aurigidi

A metà ottobre sarà possibile osservare un terzo sciame meteorico: quello delle Delta Aurigidi, uno sciame minore con un punto radiante nella costellazione dell'Auriga. Sarà attivo dal 10 al 18 ottobre, con un picco previsto per l'11 ottobre. Le Delta Aurigidi sono meno spettacolari dei Draconidi: al loro picco, potrete arrivare a osservare fino a due meteore all'ora. Non dimenticate di seguire le seguenti semplici regole, le quali agevoleranno ulteriormente la vostra osservazione:

  • cercate le "stelle cadenti" all’imbrunire;
  • state lontani da zone interessate dall'inquinamento luminoso;
  • controllate quando il punto radiante raggiungerà il punto più in alto.

Se vi piace osservare le stelle cadenti nel cielo, ottobre vi accontenterà. Tuttavia, questi non sono gli ultimi sciami meteorici che raggiungeranno il loro picco questo mese. Lo sciame annuale delle Orionidi sarà osservabile dal 2 ottobre al 7 novembre, con un picco di massima attività previsto per il 21 ottobre. Poiché è uno degli sciami meteorici più prolifici, all’approssimarsi della data prevista per il tuo picco pubblicheremo un articolo separato, il quale vi rivelerà maggiori dettagli su questo evento. Restate con noi per conoscere maggiori informazioni, vi auguriamo una felice caccia alle stelle!

Il testo di credito:
Immagine di credito:Vito Technology

Star Walk 2

Star Walk 2 logo
Scarica su App Store
Get it su Google Play