Trova lo sfuggente Mercurio dopo il tramonto

~3 min
Trova lo sfuggente Mercurio dopo il tramonto

All'inizio di giugno 2020, gli osservatori del cielo in alcune parti del mondo avranno l'opportunità di vedere il pianeta sfuggente Mercurio ad occhio nudo, dopo il tramonto. Continua a leggere per scoprire come, dove e quando individuare il pianeta più piccolo del sistema solare.

Come e dove osservare Mercurio?

Mercurio raggiungerà la sua massima elongazione est (la distanza maggiore dal Sole) giovedì 4 giugno 2020 e sarà facile individuarlo nel cielo nelle sere del 3 e del 4 giugno. Trattandosi della sua elongazione massima, il pianeta si troverà a 24 gradi a est del Sole. Gli osservatori riusciranno a osservare Mercurio a occhio nudo circa 40-60 minuti dopo il tramonto. Il pianeta più interno risplenderà a una magnitudine di 0,4. Sorgerà non molto in alto sopra l'orizzonte occidentale e sarà individuabile in mezzo a due stelle brillanti: Capella e Procione.

Per ottenere i migliori risultati, scegli un punto di osservazione che presenti una visuale senza ostacoli in direzione del tramonto. L'app di astronomia Star Walk 2 ti aiuterà a individuare il momento migliore per l'osservazione nella tua zona e ti mostrerà in che direzione guardare nel cielo per trovare Mercurio. Se vuoi dare un'occhiata al disco del pianeta, ti servirà un piccolo telescopio. Con l'ausilio del telescopio, Mercurio apparirà come un disco in fase decrescente e illuminato meno della metà (circa il 40%).

Chi riuscirà a vedere il pianete sfuggente?

L'osservazione di Mercurio, questa sera, sarà più favorevole per gli osservatori dell'emisfero nord. Per gli osservatori del cielo nell'emisfero sud, le condizioni di visibilità saranno scarse. È difficile individuare il pianeta, quasi sempre illuminato dal Sole. Se vivi nell'emisfero nord, sfrutta l'opportunità di individuare Mercurio nei giorni 3 e 4 giugno, perché il pianeta diventerà sempre più debole nel cielo serale ogni giorno che passa.

Che cos'è l'elongazione?

In astronomia, l'elongazione di un pianeta è la distanza angolare tra il Sole e il pianeta stesso, con la Terra come punto di riferimento. In altre parole, l'elongazione è l'angolo tra il Sole e il pianeta, visto da un osservatore dalla Terra.

La massima elongazione è possibile per i due pianeti più interni, Mercurio e Venere, dal momento che sono più vicini al Sole rispetto alla Terra e non si allontanano mai troppo nel cielo. L'angolo di elongazione massima del Sole per Mercurio è di 28 gradi, per Venere di 48 gradi.

Quando un pianeta è alla sua massima elongazione, o vicino ad essa, presenta le condizioni migliori per l'osservazione. Quando un pianeta raggiunge l'elongazione massima (o la massima distanza dal Sole), appare più distante dal Sole se osservato dalla Terra e può essere individuato facilmente nel cielo anche senza l'aiuto di strumenti ottici.

Elongazione est e ovest

Un pianeta può avere l'elongazione a est o a ovest. Dal momento che Mercurio e Venere sono sempre posizionati vicino al Sole, li possiamo osservare solamente nel cielo della sera o al mattino, mai a notte fonda.

Mercurio e Venere sono osservabili nel cielo della sera quando si trovano a sinistra (o a est) del Sole. Pertanto, le elongazioni serali sono chiamate elongazioni est. Durante il periodo di elongazione est, il pianeta sorge e tramonta in breve tempo dopo il tramonto del Sole.

Le elongazioni mattutine sono chiamate elongazioni ovest. Nel periodo di elongazione del mattino, Mercurio e Venere sono posizionati a destra (o a ovest) del Sole. I pianeti sorgono e tramontano in breve tempo prima del sorgere del Sole e sono visibili fino a prima dell'alba.

Il testo di credito:
Immagine di credito:Vito Technology

Star Walk 2

Star Walk 2 logo
Scarica su App Store
Get it su Google Play